Il PNRR servirà allo sviluppo delle zone interne?

L’iniziativa dell’Associazione Nino Carrus al Centro Servizi di Macomer venerdì 25 febbraio a partire dalle 17,30 in presenza e via web. Interverranno l’assessora regionale al Lavoro, Alessandra Zedda, la sindaca di Fonni Daniela Falconi, il presidente di Confindustria Nuoro-Ogliastra Giovanni Bitti, e l’economista Luca Deidda. Modera Nicola Pirina, presidente di Sardegna 2050 e componente del Comitato Scientifico dell’associazione che propone una riflessione introduttiva.


Cerchiamo di focalizzare una parola chiave: sistema. In letteratura e nei dizionari più colti declinata anche come riunione, complesso, insieme. Può la riflessione alla base di un evento partire da una puntualizzazione su un termine?

Più che può, deve, soprattutto in questo caso, perché le parole sono importanti, pesano, ricordava anche Nanni Moretti, concetto, per me giurista, rilevantissimo. E oggi le parole da scegliere sono essenziali per dare forma a pensieri corretti da trasformare in azioni efficaci.

Ci incontriamo a Macomer per dirci che oggi, considerato il tema PNRR e zone interne, bisogna avere idee chiare. L’evento, organizzato con merito e intelligenza dall’associazione Nino Carrus in collaborazione con la Rete Associazioni Comunità per lo Sviluppo e la Fondazione di Sardegna, è di centrale importanza considerato che dalla UE arriveranno ingenti risorse, quante mai ne avevamo viste ma, attenzione, quante mai più ne vedremo e non sarà il bengodi che solo i più superficiali possono pensare. Avremo i fondi se sapremo spenderli bene.

Come potremo dimostrarlo? Solo con idee convincenti, cioè chiare, certe nei tempi di esecuzione, praticabili e i cui impatti siano misurabili.

La Sardegna ha un disperato bisogno di una visione e di progetti da mettere a terra immediatamente.

Per questo serve uno sforzo colossale, il più grande per noi: fare sistema. Dobbiamo unire le forze senza disperderci in mille rivoli o in inutili discussioni. Nella consapevolezza che quest’occasione molto probabilmente non si ripeterà o, se si verificherà, non vedrà certamente noi tra i beneficiari. Forse le generazioni a venire.

È un compito solo all’apparenza semplice, cioè il solo fatto che abbiamo così tante mancanze e così tante cose da fare che potrebbe far venire l’illusione di avere l’imbarazzo della scelta.

Ricordandoci sempre lo scenario: un’isola sempre più spopolata, proprio nelle zone interne dove sanità, scuola e servizi essenziali sono sempre più scarsi e dove la popolazione è sempre più vecchia.

Dove non nascono imprese. Dove il digitale ed i processi innovativi tardano a penetrare.

I giovani vanno altrove, pochi restano. Il deserto, anche imprenditoriale, avanza.

Un panorama complessivamente deprimente con poche isole verdi.

E qui torniamo al punto di partenza di questo invito alla presenza.

Dobbiamo fare sistema: politica, impresa, società civile, volontariato, scuola, parrocchie.

Nessuno di senta escluso. Donne ed uomini di buona volontà, con idee chiare e con la volontà di cambiare l’attuale situazione sono ben presenti nell’isola. Mettiamoli insieme, facciamo sistema.

Vi aspettiamo, numerosi e appassionati!


Per registrarsi 0785/71164 o csc.macomer@gmail.com


L' incontro si svolgerà in presenza ( consentiti 50 posti) e in diretta sulla pagina Facebook e sul canale You Tube dell'Associazione Nino Carrus.


Si accede ai locali solo con super green pass e mascherina ffp2


125 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti